All Posts By

admin

Nasce www.viesaholiday.com

By News

Ora Viesa Holiday ha un sito dedicato tutto per sé. Una novità che fa parte di un progetto più ampio destinato a rafforzare la presenza online dei prodotti marchiati Viesa e Vigia e che ha già visto la nascita di un sito specifico dedicato al condizionatore portatile MyViesa (www.myviesa.com). Ora è il turno del fratello maggiore, l’Holiday, apprezzato e conosciuto condizionatore evaporativo progettato per l’autocaravan e giunto alla III generazione. Sul sito www.viesaholiday.com da oggi è possibile conoscere tutti i dettagli e le caratteristiche di questo celebre prodotto, della tecnologia evaporativa brevettata che lo caratterizza, anche attraverso materiale audiovisivo. La pagina è collegata a Facebook, dove Vigia Viesa Italy srl, ormai da diversi mesi, gestisce le attività di comunicazione social con continuità e grande attenzione.

“Il nostro successo – dichiara Alejandro Jacquet, general manager di Vigia Viesa Italy srl – si basa da sempre sul passaparola tra i camperisti. Una volta lo scambio di informazioni avveniva esclusivamente nelle aree di sosta o nei campeggi, quando gli appassionati si ritrovavano in vacanza o per il week end. Oggi a tutto questo, che per fortuna esiste ancora, si aggiunge Internet, con il mondo social e le nuove piattaforme mobile friendly. I nuovi mini-siti presentano i nostri prodotti con chiarezza, sono di facile navigazione e grazie all’interazione con Facebook, ci permettono di dialogare direttamente con il pubblico e partecipare attivamente alla community dei camperisti.”

Tecnici preparati? Clienti più soddisfatti.

By News

Holiday III è un prodotto per molti ma non per tutti. Vigia Viesa Italy srl, azienda distributrice del prodotto, investe molte risorse in corsi di formazione per nuove officine e di aggiornamento tecnico per la rete distributiva. Una filosofia commerciale basata non solo sulla preparazione tecnica dei centri di assistenza, ma anche votata alla trasparenza verso il cliente finale.  

 

Viesa Holiday III è un condizionatore evaporativo da tetto per autocaravan. La sua peculiarità è che non raffredda l’ambiente ma crea benessere direttamente sulla persona sfruttando il principio naturale dell’evaporazione. Un sistema unico nel suo genere, che non crea sbalzi di temperatura, non secca l’aria, funziona anche in marcia e permette in sosta di tenere porte e finestre aperte. La chiave del suo successo sta anche e soprattutto nel funzionamento a 12 volt con bassissimi assorbimenti elettrici. La filosofia commerciale di Viesa si basa su un rapporto estremamente trasparente con il cliente. Holiday III, infatti, è efficace su veicoli lunghi fino a 8 metri lineari e con un equipaggio fino a quattro persone adulte. E in ogni caso non raffredda, ma crea un flusso d’aria raffrescato. Il processo informativo e di trasparenza verso il cliente inizia con la formazione delle officine autorizzate. Per trattare il marchio Viesa, tutti indistintamente sono obbligati a frequentare un corso teorico durante il quale vengono spiegati i principi di fisica e biologia che coinvolgono il corpo umano e l’evaporazione dell’acqua. A tutti i centri di vendita e assistenza Viesa è richiesto un comportamento commerciale responsabile, che prevede una spiegazione corretta alla clientela di quello che Holiday III può o non può fare. La rete di centri di assistenza autorizzati oggi comprende 245 officine di cui circa il 15% sono centri SerVIESA, cioè centri di assistenza che dispongono a magazzino di tutta la campionatura di pezzi di ricambio necessari agli interventi sui condizionatori evaporativi Viesa Holiday. In questo modo il camperista che dovesse avere necessità di una riparazione sul proprio condizionatore, potrà avere la certezza, rivolgendosi a un centro SerVIESA, di limitare la sua attesa al solo tempo di manodopera. L’elenco completo è pubblicato sul sito www.vigiaviesaitaly.com.

“Ogni mese organizziamo in sede un corso di aggiornamento al quale partecipano fino a una decina di officine. Abbiamo raggiunto un numero consistente di centri di assistenza e preferiamo farne entrare ogni mese un numero limitato, così che cresca una rete controllata con tecnici preparati – racconta Alejandro Jacquet, general manager dei Vigia Viesa Italy srl – Inoltre abbiamo stabilito delle regole commerciali molto rigide: tutti i rivenditori devono applicare un prezzo imposto chiavi in mano. In questo modo il cliente non è confuso da sconti e offerte improbabili ed è portato a scegliere l’officina più vicina. Questo sarà naturalmente un vantaggio per i controlli e la manutenzione successivi all’acquisto».

Arriva il kit per aggiornare VIESA Holiday alla terza generazione

By News

Vigia Viesa Italy, distributore dei prodotti Viesa per l’Italia ha previsto due kit di trasformazione per l’aggiornamento delle vecchie versioni di Holiday all’ultima generazione. Da quest’anno anche Holiday I potrà essere trasformato in Holiday III. Dal mese di ottobre tutte le officine autorizzate possono procedere all’upgrade.

 

Vigia Viesa Italy, distributore dei prodotti Viesa per l’Italia, ha presentato all’ultimo Salone del Camper di Parma una serie d’interessanti iniziative, alcune promozionali altre indirizzate all’aggiornamento tecnologico del prodotto. In riferimento a queste ultime, Vigia Viesa Italy ripropone il kit per la trasformazione di Holiday II in Holiday III, già lanciato lo scorso anno. Con un costo al pubblico di 330 euro Iva compresa, manodopera esclusa (ma calcolata in 90 minuti), il condizionatore evaporativo Holiday II passerà alla III generazione con una serie di vantaggi tecnici e funzionali: cambia il disegno della vasca e arrivano nuove pompe centrifughe più silenziose e con vibrazioni ridotte al minimo, che dispongono di motori privi di componenti soggetti a usura e non hanno parti a rischio di infiltrazione d’acqua. Il nuovo serbatoio ha il sensore in una posizione più centrale e meno soggetta alle oscillazioni. Nuovo è anche tutto il cablaggio che ora si avvantaggia di connettori stagni e cambiano anche le sezioni dei tubi, ora realizzati in silicone, materiale che facilita la rimozione del calcare.

Ma la vera novità è che da quest’anno anche i possessori di Holiday I potranno aggiornare il sistema all’ultimissima versione Viesa Holiday III. Dal mese di ottobre tutte le officine autorizzate Vigia Viesa Italy (vedi l’elenco completo sul sito www.vigiaviesaitaly.com) saranno in grado di effettuare questo aggiornamento. Il prezzo è di 490 euro Iva inclusa per il kit di trasformazione, al quale andrà aggiunto il costo per il montaggio. Il tempo per la sostituzione è fissato in 90 minuti. Anche in questo caso viene sostituita tutta la parte idraulica (vasca, pompe, tubi, sensori), ma deve essere sostituita anche la scheda elettronica che include la centralina a cristalli liquidi. Nell’aggiornamento da Holiday II a Holiday III, invece, per la parte elettronica è sufficiente l’aggiornamento del software.

Chi non ha versioni da aggiornare ma desidera acquistare il condizionatore evaporativo Viesa Holiday III può usufruire fino al 12 dicembre di due iniziative promozionali davvero particolari: una garanzia a vita sul prodotto oppure la fornitura omaggio di un kit di manutenzione e del prodotto antibatterico Calfabas in quantità sufficiente per tre stagioni.

 

TORNANO LE PROMOZIONI AUTUNNO/INVERNO DI VIESA

By News

Vigia Viesa Italy, distributore dei prodotti Viesa per l’Italia, lancia una nuova, incredibile promozione: chi comprerà il condizionatore evaporativo Holiday III tra il 13 settembre e il 12 dicembre 2014 potrà scegliere tra un kit di manutenzione per tre stagioni o una garanzia a tempo indeterminato!

 Vigia Viesa Italy, distributore dei prodotti Viesa per l’Italia, riesce ancora una volta a smarcarsi presentandosi alla fiera di settembre con una promozione davvero sensazionale: chi comprerà il condizionatore Viesa Holiday III tra il 13 settembre e il 12 dicembre 2014 potrà avere la garanzia a vita! L’iniziativa promozionale offre la possibilità agli acquirenti di scegliere tra due diverse offerte: un kit di manutenzione per Viesa Holiday per tre stagioni oppure una garanzia “illimitata”. La prima possibilità prevede la fornitura omaggio di un kit di manutenzione e del prodotto antibatterico Calfabas (una soluzione in cristalli che ha una durata di sei mesi dalla sua attivazione) in quantità sufficiente per tre stagioni. Il valore complessivo di questa offerta si aggira intorno ai 200 euro. Chi lo desidera può, invece, scegliere l’opzione della  garanzia a vita sul Viesa Holiday III acquistato nel periodo di validità della promozione. Tale garanzia prevede che vengano effettuate, naturalmente, le manutenzioni annuali presso i centri autorizzati.

 

Il distributore toscano non è nuovo a iniziative fuori dall’ordinario. Quest’anno ha lanciato una campagna “soddisfatti o rimborsati” grazie alla quale alcuni acquirenti hanno potuto provare senza impegno anche fino a cinque mesi il condizionatore evaporativo Holiday III.

«Siamo soddisfatti dell’ottima accoglienza che i camperisti hanno riservato alla nostra promozione. Purtroppo il meteo quest’anno non è stato molto clemente, l’estate è arrivata tardi e da Firenze in su forse non è nemmeno arrivata – dice Alejandro Jacquet, general manager di Vigia Viesa Italy – Ciononostante abbiamo registrato performance soddisfacenti e, cosa più importante, delle unità vendute con la formula soddisfatti o rimborsati, non ne è tornata indietro nemmeno una. Un’ulteriore testimonianza della qualità del nostro prodotto e della particolarità della tecnologia evaporativa, che va davvero sperimentata sulla propria pelle. Il nostro staff, inoltre, è stato impegnato quest’estate in un’indagine sul campo. Abbiamo girato in camper per le aree di sosta e i parcheggi della Sardegna per conoscere meglio i nostri clienti, le loro abitudini, le loro necessità. Tra tutti i camperisti incontrati che avevano montato un’unità Viesa Holiday abbiamo incontrato solo persone entusiaste del prodotto. E questo passaparola tra gli utenti vale molto più di qualsiasi promozione commerciale».

 

Holiday III e il test di Reisemobil International

By News

Il general manager di Ital Colven srl, Alejandro Jacquet, analizza i risultati della prova di Holiday III, pubblicata dal mensile tedesco Reisemobil International sul numero di giugno 2014

La rivista tedesca Reisemobil International sul numero di giugno 2014 ha effettuato una prova comparativa tra diversi sistemi di condizionamento per camper. Tra questi è stato scelto anche Holiday III, prodotto da Ital Colven, filiale italiana del Gruppo argentino Colven, e commercializzato nel mondo con il marchio Viesa, tranne in Germania e Francia dove è venduto come Ebercool/Eberspaecher. Il general manager di Ital Colven, Alejandro Jacquet, entra nel merito della prova, offrendo un’interpretazione tecnica di alcuni dati rilevati.
La prova si è svolta in una camera climatica riscaldata per una notte fino a 35° C e con un’umidità relativa dell’aria pari al 55 % con un camper le cui finestre e porte sono rimaste aperte. Sullo stesso camper sono stati montati diversi condizionatori di diverse marche e la prova è stata condotta nelle medesime condizioni. Il test prevedeva che i condizionatori riuscissero velocemente a ridurre la temperatura interna.

• REISEMOBIL INTERNATIONAL: “Il condizionatore Holiday III ha ottenuto un raffreddamento dell’abitacolo di circa 4° C, per essere esatti di 4 gradi Kelvin. Durante questo periodo, l’umidità dell’aria all’interno del veicolo, con la finestra leggermente aperta, è stata piuttosto alta”.
ALEJANDRO JACQUET: «Per ottenere il necessario supporto, i tecnici del mensile tedesco si sono rivolti al nostro distributore tedesco. Purtroppo non è stata trasferita un’informazione importante: Holiday III prima di entrare nel suo regime standard di funzionamento ha bisogno di 80 ore di rodaggio. Questa è una condizione necessaria, scritta a chiare lettere e in tutte le lingue anche sul libretto d’uso e manutenzione che consegniamo insieme al prodotto. Il principio di funzionamento del nostro condizionatore evaporativo, infatti, si basa su un filtro brevettato e costituito da un intreccio di filamenti di fibre legnose disposte in modo da formare una superficie il più grande possibile (pari a quella di 127 mq) dove l’evaporazione può avvenire velocemente.
Le 80 ore previste di rodaggio sono necessarie a eliminare le resine naturali presenti all’interno dei capillari della fibra. Prima di questo periodo il filtro non è in grado di assorbire la quantità d’acqua prevista e il funzionamento non è quello corretto: l’aria restituita nell’ambiente ha una percentuale maggiore di umidità, con una densità di umidità superiore a quella prevista (che è di 0,0002 micron), una minor efficacia nell’effetto di raffrescamento e un aumento dei consumi d’acqua. Noi non possiamo e non vogliamo eliminare questa resina durante il processo produttivo, perché è una protezione naturale che rallenta il processo di degrado delle fibre legnose».

• REISEMOBIL INTERNATIONAL: “Nel momento in cui sono stati aperti maggiormente oblò e finestre, l’umidità dell’aria all’interno del veicolo è un po’ calata, però la temperatura rilevata dai sette sensori installati è risalita immediatamente fino a raggiungere quasi i valori iniziali”.
ALEJANDRO JACQUET: «L’obiettivo di Holiday III è quello di evitare sbalzi di temperatura tra l’abitacolo e l’ambiente esterno. Quando parliamo di “benessere naturale” riferendoci ai nostri sistemi ci riferiamo anche a questa particolarità. Eccessivi sbalzi di temperatura sono rischiosi per l’organismo così come dannosa è l’aria privata di una corretta percentuale di umidità, perché con l’aria troppo secca, si seccano anche le mucose che non sono più in grado di fermare i batteri. È importante che le vie respiratorie siano idratate. I nostri sistemi di condizionamento sono particolarmente indicati per chi ha bambini, persone anziane a bordo o chi è affetto da patologie respiratorie. Nel test della rivista tedesca il risultato di raffreddamento è stato di 4° C cioè all’interno si è scesi a 31 gradi rispetto ai 35 esterni, ma con un alto livello di umidità. Ribadendo che la prova è viziata dalla mancanza del rodaggio del filtro, dobbiamo anche sottolineare che non è compito di Holiday III raffreddare l’abitacolo. Parlare di rilevamento della temperatura attraverso dei sensori non ha senso per un prodotto che promette benessere direttamente sulla persona e a patto che questa si trovi investita dal flusso d’aria raffrescata. Il benessere si raggiunge quando il corpo riesce a dissipare calore e mantenere la temperatura in equilibrio. Non parliamo mai di temperature, ma di un punto di benessere che si raggiunge con l’assenza della sudorazione.

• REISEMOBIL INTERNATIONAL: “Per il condizionamento di tutto l’abitacolo, il sistema di raffreddamento a evaporatore è indicato solo in condizioni climatiche estremamente secche. Chi si accontenta anche solo di una leggera brezza e non è infastidito dalle finestre e porte aperte, può prendere realisticamente in considerazione l’acquisto di Holiday III”.
ALEJANDRO JACQUET: «Se il cliente desidera ottenere soltanto un abbattimento della temperatura, allora sì, il nostro non è il prodotto giusto. Perché non è questo che fa Holiday III. Il nostro sistema agisce raffrescando l’aria immessa nell’abitacolo e portandola ai valori di umidità ottimale e a bassa densità. Il flusso d’aria generato favorisce una veloce evaporazione del sudore sulla pelle generando una sensazione di benessere sulla persona. Non raffreddiamo le cose (i sensori per esempio), ma raffreschiamo le persone. Non è corretto dire che Holiday III è indicato solo in condizioni climatiche estremamente secche. I nostri condizionatori evaporativi sono stati progettati e costruiti per funzionare in condizioni estreme. Sono nati, infatti, in un Paese dove l’umidità è altissima, cioè il nord dell’Argentina che include anche una parte della foresta amazzonica. Lì è cominciato tutto. E se siamo riusciti a far funzionare i nostri prodotti con quel clima, è certo che funzionano ancora meglio qui in Europa. In nostro aiuto vengono i numeri del successo commerciale di Holiday, ma anche di nostri analoghi sistemi evaporativi progettati per i veicoli industriali e veicoli da lavoro, ottenuti in tutto il mondo. Noi siamo riusciti laddove molti altri che hanno provato a proporre la tecnologia evaporativa hanno fallito. Paragonare la velocità di raffreddamento di un condizionatore tradizionale con quella di un condizionatore evaporativo è come paragonare la velocità massina di una bicicletta a quella di uno scooter. Certo, entrambi hanno due ruote e si possono caricare sul portatutto dietro al camper, ma quello che fai con lo scooter non lo fai con la bicicletta e viceversa. La tecnologia è diversa e i risultati sono diversi. Noi non misuriamo la soddisfazione dei nostri clienti attraverso dei sensori di temperatura».

• REISEMOBIL INTERNATIONAL: Chi regola gli ugelli in modo tale da colpire direttamente o leggermente indirettamente il corpo, percepisce una leggera brezza e così una sensazione di sollievo, anche se piuttosto irrilevante.
• REISEMOBIL INTERNATIONAL: A umidità dell’aria molto elevata ha senso solamente la funzione ventilatore, la funzione raffreddamento non sarebbe molto efficace
ALEJANDRO JACQUET: «Ognuno di noi ha un punto di benessere diverso che si raggiunge quando il corpo riesce a dissipare calore. Alcuni non sopportano il caldo già a 25°C. Porto l’esempio di un cliente che ci chiamò, qualche tempo fa, perché in un giorno particolarmente umido non riusciva a percepire la sensazione di fresco che aveva sperimentato il giorno prima. Suggerimmo di spegnere Holiday III. Il cliente cominciò immediatamente a sudare e comprese che anche se non ne percepiva un beneficio evidente, il prodotto stava funzionando… eccome.
Per umidità elevata intendiamo “in caso di pioggia”. Allora consigliamo di far funzionare solo la ventilazione staccando la pompa. Ma anche questo non è un consiglio standardizzabile, né una funzione che possiamo rendere automatica. È il cliente a decidere quali sono le condizioni di funzionamento più adatte alla sua persona. Per questo abbiamo previsto 25 regolazioni di potenza e quattro bocchette con flussi orientabili e parzializzabili».

• REISEMOBIL INTERNATIONAL: “Necessita fino a due litri d’acqua l’ora dal serbatoio d’acqua”
• REISEMOBIL INTERNATIONAL: “Aumenta l’umidità dell’aria all’interno del veicolo”
ALEJANDRO JACQUET: «In realtà il consumo va da 0,5 a 1,5 litri. Se l’unità in prova ha consumato due litri all’ora è perché il filtro non era rodato cioé Holiday III ha generato più umidità e consumato più acqua, perché il filtro non era in grado di assorbirla. Il nostro sistema non aumenta l’umidità, ma stabilizza l’umidità relativa interna portandola a valori compresi tra il 40 e il 60% e con una densità molto bassa. Stabilizzare l’umidità relativa interna è importante poiché, quando l’aria è troppo ricca di acqua, l’evaporazione del sudore avviene meno facilmente o non avviene del tutto. Inoltre per ottenere un’evaporazione veloce e una maggior sottrazione del calore è necessaria una bassa densità di umidità».

• REISEMOBIL INTERNATIONAL: “Non si esclude una possibile contaminazione batterica dell’acqua sulla superficie evaporativa”.
ALEJANDRO JACQUET: «Dove c’è acqua ci sono batteri. Anche nella condensa che si forma sugli elementi dei condizionatori tradizionali ci sono batteri. I nostri prodotti sono forniti già dall’origine di un prodotto antibatterico che si attiva non appena si accende l’unità per la prima volta. Si tratta di un presidio medico, prodotto da un nostro fornitore in Giappone e con il nome commerciale di Calfabas. È una soluzione in cristalli che ha una durata di sei mesi dalla sua attivazione e può essere sostituita con facilità anche dal cliente finale. Noi abbiamo ben presente il problema della contaminazione batterica e l’abbiamo risolta in questo modo. Ma non è un problema che affligge solo gli evaporativi. E gli altri produttori? Ci hanno pensato?»

Viesa Holiday III: ecco il video

By News

Vigia Viesa Italy presenta il nuovo video dedicato a Viesa Holiday III. Un breve filmato della durata inferiore ai due minuti che mette in evidenza le caratteristiche qualificanti del celebre condizionatore evaporativo per camper. Accompagnato da un sottofondo musicale allegro e vivace, il filmato spiega, attraverso belle immagini e animazioni tridimensionali il funzionamento del raffrescatore, ponendo l’accento sul principio fisico dell’evaporazione che serve ad abbassare la temperatura corporea favorendo il benessere naturale delle persone a bordo. Non mancano alcune immagini che mostrano le fasi di costruzione di Holiday III, un prodotto Made in Italy interamente costruito negli stabilimenti toscani di Ital Colven.

Il nuovo video di Ital Colven

By News

Ital Colven si presenta al pubblico attraverso un video istituzionale girato presso la sede di Montemurlo (Prato). La filiale italiana del Gruppo argentino Colven è, dal gennaio del 2012 il centro di produzione dei prodotti Viesa per il mercato nazionale e internazionale. Negli stabilimenti toscani si assemblano, infatti, il celebre condizionatore evaporativo a 12 volt Viesa Holiday III dedicato alle autocaravan, il nuovissimo condizionatore evaporativo portatile a 12 volt My Viesa e il condizionatore a compressore dedicato ai veicoli industriali Kompressor IIs. Da semplice centro di assemblaggio, Ital Colven è divenuta in questi anni un’azienda strutturata, con un centro di ricerca e sviluppo che, in collaborazione con l’università di Firenze, ha progettato le ultime generazioni di prodotti. Nel maggio del 2013, Ital Colven ha ottenuto anche la certificazione Iso 9001. Oggi i condizionatori del brand Viesa possono consideratsi dei veri e propri prodotti “made in Italy”, costruiti con componenti di produzione italiana e assemblati nel nostro Paese. Il video racconta le diverse fasi di produzione di Viesa Holiday III e Kompressor IIs attraverso immagini di grande impatto, frutto di una fotografia molto curata nelle inquadrature e nelle luci. L’obbiettivo si è soffermato sui processi operativi interni all’azienda, sulle persone che ci lavorano, su quello che c’è sotto la scocca dei Viesa. La regia è firmata dal filmaker Rocco Rognoni, partner dell’agenzia di comunicazione Mazzucchelli and Partners, che ha all’attivo numerosi filmati pubblicitari, aziendali, corporate e cortometraggi, grazie ai quali ha vinto anche diversi premi. Il video, realizzato in full HD con una fotocamera DSLR (Digital single-lens reflex) di ultima generazione è stato realizzato per i mercati di tutto il mondo. Si caratterizza, infatti, per l’assenza di commenti parlati o scritti, configurandosi come un videoclip dove una musica epica e incalzante scandisce il ritmo alla sequenza di immagini senza, però, sovrastare i rumori di fondo che sono parte integrante delle attività di produzione. Il video è visibile sul canale You Tube di Vigia Viesa Italy all’indirizzo: http://youtu.be/51Y4YyNcYhU, sul sito www.vigiaviesaitaly.com e sul sito www.italcolven.com.

My Viesa

By News


My Viesa: condizionatore evaporativo

portatile a 12 Volt

Dedicato a camper, caravan, barche, veicoli industriali, ma anche fuoristrada, tende, case mobili, veicoli commerciali… non c’è limite agli impegni di MY Viesa. Compatto, leggero, efficiente, innovativo ed ecologico, My Viesa ha un design moderno che arreda con eleganza anche gli ambienti più raffinati.

 

Dalla lunga e fortunata esperienza maturata dal Gruppo Colven con Viesa Holiday III, nasce il progetto My Viesa: il nuovo condizionatore evaporativo portatile “made in Italy” che funziona a 12 volt e si può alimentare anche tramite la presa accendisigari. In casa, in barca, in camper, in caravan, ma anche in tenda, nel bungalow o nella mobilhome, My Viesa sfrutta il naturale principio fisico dell’evaporazione per migliorare lo scambio termico corporeo evitando il surriscaldamento e la sudorazione (cioè lavora abbassando la temperatura corporea e non quella dell’ambiente) così da favorire una veloce evaporazione sulla pelle e creare benessere alla persona. In questo modo non si creano sbalzi di temperatura che possono disidratare le vie respiratorie, rendere le mucose più esposte al pericolo di infiammazione (raffreddore, mal di gola, bronchiti) o generare dolori muscolari, articolari, torcicollo. Non si secca l’aria, ma si mantiene l’umidità stabile su valori di benessere, prelevando aria dall’esterno e filtrandola attraverso un evaporatore umidificato. L’aria immessa all’interno dell’ambiente è, pertanto, priva di micro polveri, polveri da inquinamento e polline. My Viesa funziona a 12 volt, con bassi assorbimenti elettrici e arriva a consumare fino all’80% in meno di un sistema di raffreddamento tradizionale. Il consumo, infatti, va dal minimo di 1 Ah fino al massimo di 4,5 Ah, caratteristica che permette di utilizzare con successo dei pannelli fotovoltaici per mantenere carica la batteria. Con un peso a vuoto di soli 7,3 kg e dimensioni estremamente compatte, My Viesa fa della trasportabilità uno dei suoi punti di forza, insieme a un’altra caratteristica distintiva: il filtro evaporatore in fibre naturali a tre mescole, una tecnologia esclusiva, brevettata dal Gruppo Argentino Colven e applicata con successo a tutte le gamme di condizionatori evaporativi prodotti dalla multinazionale. Come il celebre Holiday III, anche My Viesa viene prodotto in Italia, negli stabilimenti di Ital Colven a Montemurlo (PO). Il serbatoio interno contiene 6,5 litri d’acqua, che permette, alla minima potenza, un funzionamento fino a 13 ore consecutive. Il sistema è in grado di monitorare la carica della batteria e disattivarsi automaticamente in caso di basso voltaggio (10,5V) per impedire la scarica eccessiva della batteria stessa. Le protezioni di sicurezza sono molteplici e intervengono in caso di mancanza d’acqua (segnale acustico e auto spegnimento della pompa), di inversione di polarità o di anomalie nel funzionamento di alcuni componenti. My Viesa dispone di 8 diverse velocità di ventilazione, ha la possibilità di programmare l’accensione e lo spegnimento grazie al timer inserito nella centralina e offre la funzione “sola ventilazione” (con il disinserimento della pompa). In caso di lunghi periodi di inattività o prima del periodo invernale si potrà attivare la funzione di essicamento automatico del filtro evaporatore. My Viesa è dotato anche di un sensore di temperatura esterna che interagisce con la centralina e regola automaticamente la velocità della ventilazione. Il display LCD fornisce tutte le informazioni in modo chiaro e intuitivo. Il controllo delle funzioni può avvenire sia dal pannello di comando sia dal telecomando offerto di serie. La struttura è realizzata in ABS con rivestimento in acrilico resistente ai raggi UV e la finitura è in nero lucido. Il design è caratterizzato da linee morbide e sinuose che trova la sua perfetta collocazione in qualsiasi ambiente, anche in quelli più raffinati ed eleganti.


Struttura in ABS con rivestimento in acrilico resistente ai raggi UV
Colore nero lucido
Consumo di corrente (12 Volt): da 1 a 4,5 Ah
Voltaggio 12 Volt DC
Consumo di acqua: 0,5 a 1,5 litri / ora
Peso a vuoto 7,3 Kg
Dimensione: 41,5 (L) x 59 (H) x 22 (P) cm
Capacità serbatoio dell’acqua 6,5 litri
Velocità di ventilazione 8
Dotazioni Spina a 12 Volt universale per prese D21 (accendisigari) e D12


Funzioni:

  • Display LCD a lettura semplificata
  • Orologio con sveglia
  • Indicazione del livello di carica della batteria.
  • Accensione e spegnimento programmabile.
  • Essiccamento automatico del filtro evaporatore.
  • Spegnimento manuale della pompa per sola ventilazione.
  • Telecomando completo di tutte le funzioni.
  • Modalità automatica con regolazione della velocità in relazione alla temperatura ambiente.
  • Indicazione sostituzione del filtro evaporatore.
  • Protezioni:
  • Salva batteria.
  • Sistema di autodiagnosi.
  • Protezione dall’inversione della polaritá o corto circuito.
  • Auto spegnimento della pompa in mancanza d´acqua.

Ital Colven ottiene il certificato ISO 9001

By News

Dal mese di maggio Ital Colven ottiene la certificazione Iso 9001 per tutti i prodotti Viesa costruiti nello stabilimento di Montemurlo.

 

Ital Colven, azienda nata nel 2011 con sede e stabilimento a Montemurlo (PO), nella quale si producono i condizionatori delle gamme Viesa Holiday e Viesa Kompressor, ha ottenuto nel mese di maggio 2013 la certificazione Iso 9001. Questa certificazione è uno standard di riferimento riconosciuto a livello internazionale per la gestione della qualità nei processi interni di un’azienda. I cardini fondamentali sui quali si basa sono, da un lato la garanzia del mantenimento degli impegni presi con la clientela e dall’altro la capacità di tenere sotto controllo i processi interni, tramite la misurazione delle prestazioni e l’individuazione di adeguati indicatori. Operando secondo lo standard Iso 9001 è possibile razionalizzare i processi interni e ridurre sprechi e inefficienze (dispendio di tempo, uomini, risorse, denaro) senza sacrificare il valore aggiunto offerto ai clienti. La certificazione è stata portata a termine da TÜV Italia, organizzazione di riferimento per il settore automotive internazionale.

«Per noi è stato abbastanza semplice – dichiara Alejandro Jacquet, general manager di Ital Colven – poiché, come filiale italiana del gruppo argentino Colven già certificato, abbiamo potuto avvantaggiarci dell’esperienza acquisita dalla nostra casa madre, impostando il lavoro nella giusta direzione. Siamo partiti solo un anno fa con la produzione e da subito abbiamo cominciato a lavorare per ottenere questa importante certificazione. Quando sono arrivati i consulenti e i tecnici, avevamo già applicato al 95% le specifiche richieste dalla norma. Una certificazione che conferma la credibilità della nostra azienda che, per quanto anagraficamente giovane, si avvale della lunga esperienza maturata da tutte le società del Gruppo e fa della qualità uno dei suoi valori fondanti». 

Holiday III: la prova di Caravan e Camper

By News

 

A TUTTO HOLIDAY (III)

Con un test durato un anno, abbiamo messo alla prova la funzionalità, l’efficacia, l’affidabilità e le facilità d’uso del Viesa di terza generazione

a cura della redazione tecnica di Caravan e Camper

Presentato all’inizio del 2012, l’Holiday III è la terza generazione dell’ormai celebre dispositivo creato dalla Viesa per climatizzare i veicoli ricreazionali e giusto un anno fa, un esemplare è stato montato sul camper della redazione per effettuare un lungo test svolto in ogni condizione climatica e che ha avuto anche la “fortuna” (se così si può dire), di incappare in un’estate, quella scorsa, piuttosto calda e probante. Ma prima di addentrarci nell’esame dettagliato delle prestazioni offerte, occorre capire cos’è questo apparecchio, precisando bene dapprima cosa non è: il Viesa Holiday III non è un “condizionatore” nell’accezione classica del termine, cioè quella che si riferisce a un apparecchio destinato ad abbassare direttamente la temperatura ambientale. La definizione più vicina che si può usare senza cadere in errore è quella di un sistema rinfrescante indirizzato non tanto all’ambiente ma alle persone che lo abitano. Sembra la stessa cosa, ma non è così, come vedremo più avanti. La differenza nel procedimento utilizzato per generare il fresco fa si che al Viesa Holiday, per funzionare, basti la corrente a 12V forniti dalla batteria di bordo.

Come viene installato
Il Viesa Holiday si mette sul tetto del camper e il suo peso limitato (circa 20 kg massimi) non pone problemi di collocazione. È studiato per poter essere inserito al posto di uno degli oblò standard di serie con foro di 40×40 cm, ma la Casa fornisce anche un adattatore per sfruttare lo spazio di un oblò di tipi Midi Heki. Nulla vieta, ovviamente, di operare una nuova apertura per collocare l’apparecchio, nel caso in cui non ci siano oblò già presenti collocati in posizione favorevole. Il mezzo per il nostro test ha un grande Heki III centrale e abbiamo preferito sfruttare l’oblò già presente sulla zona notte, invece di praticare un’altra apertura sul tetto. In questo modo, in effetti, il Viesa Holiday si viene a trovare in una posizione non molto favorevole ma, per contro, va a servire bene la zona notte. Questo “decentramento” è stato anche scelto per valutare l’efficacia del dispositivo anche in condizioni non ottimali. Oltre che alla batteria servizi, il Viesa va collegato all’impianto idrico di bordo, con un raccordo fornito di proprio rubinetto, utile per escludere l’apporto d’acqua al Viesa durante la stagione invernale. Il prodotto, peraltro, è fornito con una tubazione di collegamento che, per il percorso che deve svolgere al di fuori del mezzo, viene coibentata.

Com’è fatto e come funziona
l “cuore” del Viesa Holiday è costituito da una sorta di “ciambella” costruita con un particolare intreccio di tre diversi tipi di legno e un serbatoio circolare che accoglie l’acqua prelevata dal serbatoio del mezzo tramite due pompe, una frontale e una posteriore, per compensare eventuali pendenze. L’acqua, prima di essere indirizzata al componente centrale, viene fatta passare attraverso filtri antibatterici. Infine, un ventilatore a 25 velocità provvede a diffondere l’aria all’interno dell’abitacolo tramite quattro bocchette di diffusione, sul tipo di quelle normalmente usate nel settore automobilistico, orientabili e parzializzabili a piacimento. Controlli e i comandi sono sulla parte inferiore, costituiti da una serie di pulsanti e un display LCD. Tutte le funzioni, peraltro, sono governabili anche tramite il telecomando fornito di serie. Il dispositivo raffredda l’aria tramite il principio secondo il quale un qualsiasi fluido evaporando (passando, cioè, dallo stato liquido a quello gassoso) cede calore diminuendo la temperatura della superficie sulla quale si trova. Più grande è la superficie, più veloce sarà l’evaporazione e maggiore sarà la cessione di calore, quindi il raffreddamento della superficie. Nello specifico, il dispositivo va a depositare l’acqua sulla “ciambella” (grazie al particolare intreccio brevettato, si tratta di una superficie utile di ben 127 metri quadrati) e, evaporando molto velocemente raffredda tutta la superficie interessata. L’aria esterna viene fatta passare attraverso questa superficie fredda e immessa all’interno della cellula tramite ventilazione forzata, regolabile a piacimento in velocità, quantità e direzione. A questo punto entrano in scena le persone. Il nostro corpo possiede un efficace meccanismo interno di termoregolazione che, quando sente calore, fa evaporare l’acqua tramite le ghiandole sudoripare, producendo quello che si vede come sudore e abbassando, così, la temperatura superficiale della pelle. Questo processo, però, è influenzato dall’umidità relativa (ovvero la quantità di acqua presente in un litro di aria espressa in percentuale) presente nell’aria. Se questa è elevata – e quindi ci si trova i un ambiente già saturo d’acqua – viene limitata la corretta evaporazione della pelle e si avverte una sensazione di calore maggiore: si tratta della cosiddetta “temperatura percepita” (della quale spesso si sente parlare durante le trasmissioni che si occupano di meteorologia), diversa da quella reale proprio perché influenzata dall’umidità o, più precisamente, dal grado di umidità relativa. Ma ci sono altri due fattori che influenzano l’efficacia con la quale agiscono i nostri meccanismi naturali: la ventilazione e la densità dell’umidità. La prima è in grado di accelerare notevolmente il processo di evaporazione della pelle: basti pensare a quanto il caldo si sopporti molto meglio nelle giornate ventilate. La densità (diversa secondo i luoghi) è altrettanto determinate: se è bassa, significa che la stessa quantità di acqua si va a “spargere” su una superficie maggiore del corpo e quindi evapora più velocemente. Il principio di funzionamento del Viesa Holiday III è in grado di soddisfare, quindi, tutte le condizioni per il benessere: immette nella cellula aria fresca abbondantemente ventilata, con umidità relativa corretta (dal 40 al 60%) e a bassa densità. La sua azione non si concentra solo nell’abbassamento della temperatura ambientale ma è specificatamente indirizzato alle persone che lo abitano e consente l’ottimale termoregolazione naturale individuale diminuendola sensazione di calore percepito. Contrariamente a quanto succede con i condizionatori veri e propri (che sono tanto più efficaci quanto più l’ambiente da raffreddare è isolato dall’esterno) L’immissione d’aria del Viesa necessita di uno “sfogo” perché deve “rimpiazzare” quella presente che deve uscire da qualche parte. Anche la stessa aria prodotta deve poter uscire a sua volta, per non ristagnare e favorire il ricambio con quella nuova che arriva in continuazione. Per permettere questo, durante il funzionamento è necessario tenere aperto un oblò o una finestra. Basta pochissimo: la casa indica in un oblò aperto per 2 cm la misura minima da adottare. Ovviamente, è possibile utilizzare tranquillamente il dispositivo anche in marcia; in questo caso, è sufficiente tenere aperto per un paio di centimetri uno dei finestrini della zona guida..

Alla prova del caldo
Il Viesa Holiday “lavora” sulle persone, più che sull’ambiente. Uno dei risultati di questo modo di operare che apparentemente può non soddisfare troppo di primo acchito è questo: se si lascia acceso il dispositivo mentre si è fuori, con il camper parcheggiato magari sotto il sole cocente, rientrando non si ha quell’immediata sensazione di forte frescura generata da un condizionatore classico e che spesso, va detto, può non essere molto benefica per il corpo per il forte sbalzo termico. Ma basta poco perché il principio di funzionamento su cui si basa il Viesa generi nelle persone un sollievo tangibile. Con il passare dei minuti (elevando anche la velocità d’immissione dell’aria), il benessere diventa sempre più elevato. La cosa curiosa, ma neanche tanto se si è capito bene il principio su cui opera l’apparecchio, è che il benessere personale non sempre va di pari passo con la colonnina del termometro che si abbassa, certo, ma non così tanto da giustificare le buonissime sensazioni che hanno stando a bordo. La posizione del Viesa sul nostro veicolo in test ha penalizzato un po’ la diffusione dell’aria, perché per essere efficace anche nella zona giorno abbiamo dovuto “spingere” la ventilazione che arrivava solo da una parte e non risultava diffusa equamente davanti e dietro come invece succede se l’apparecchio è posizionato in mezzo al veicolo. Nonostante questa limitazione, derivata dalla scelta in fase d’installazione, l’efficacia del sistema si è sempre dimostrata di ottimo livello, anche con temperature esterne decisamente elevate e con un’alta umidità esterna che non è certo amica del processo evaporativo. In alcuni casi piuttosto “estremi” (come, ad esempio, caldo elevato associato a pioggia) abbiamo rilevato una diminuzione dell’efficacia generale che, però, non è mai scesa sotto i livelli di guardia: in queste situazioni, per preservare la funzionalità rinfrescante la Casa prevede di disattivare il prelievo di acqua dal serbatoio. In sostanza, alla prova dei fatti, si può affermare che Viesa Holiday III svolge molto bene il lavoro che dichiara di poter compiere: far star bene all’interno del camper rinfrescando comunque l’ambiente in modo sensibile ma, soprattutto, procurando una diminuzione evidente e benefica del calore percepito

Consumi e funzionalità
La Casa dichiara un consumo di corrente variabile da 1,3 a 5,8 Ampére. Abbiamo rilevato consumi compatibili con quanto dichiarato, a parte un valore massimo leggermente più alto con le ventole alla massima velocità: eventualità, questa, del tutto remota nell’utilizzo comune. I consumi d’acqua si sono attestati anch’essi sui valori dichiarati dalla casa. Addirittura un po’ inferiori sia nei valori minimi, segnalati con 0,5 litri/h, sia in quelli massimi. Non siamo, però, stati in grado di testare il dispositivo con umidità relativa molto bassa, condizione nella quale la Casa indica possibile un consumo massimo d’acqua superiore ai 1,5 lt/h dichiarati. Oltre alle funzionalità più semplici e immediate, che coinvolgono la messa in opera e la regolazione di velocità della ventola, ve ne sono altre molto utili. Ad esempio, è possibile temporizzare l’accensione e lo spegnimento (il dispositivo è dotato di un orologio digitale interno, con ora visualizzata sul display) oppure, come già detto, disattivare le pompe di adduzione dell’acqua in caso di alta umidità esterna. Il display indica se vi è un’interruzione di alimentazione e se manca l’acqua nel serbatoio centrale. Le indicazioni permanenti sono quelle dell’ora e dello stato di carica della batteria di bordo; a questo proposito, infine, va segnalato che il dispositivo è programmato per spegnersi automaticamente in caso di batteria troppo scarica.

Manutenzione
Tutti gli elementi “in moto”, come ventole e pompe, sono esenti da manutenzione, mentre la Casa raccomanda di sostituire l’antibatterico una volta l’anno e di far controllare periodicamente l’elemento centrale ligneo evaporativo. Alla fine di un weekend, o di un viaggio, se s’immagina che l’unità resterà spenta per più di 4/5 giorni, occorre effettuare un processo di essiccamento. Per fare questo, basta attivare la funzione “Dry” tramite il comando sul pannello di controllo o sul telecomando: il procedimento è automatico e, giunto alla fine, arresta il sistema. Durante tutta l’operazione – che ha una durata variabile secondo la quantità d’acque presente nelle vasche e le condizioni atmosferiche – la ventola va al massimo della velocità: è quindi consigliabile che il processo avvenga o in marcia oppure da collegati a una sorgente di corrente esterna, come un generatore o un attacco di terra. Questa operazione, accompagnata da uno svuotamento della conduttura di adduzione dell’acqua (da effettuare con poche semplici operazioni ben descritte nel manuale di uso e manutenzione) è necessaria, ovviamente, anche per preparare il dispositivo all’inverno e tenerlo pronto a riattivasi al meglio per rendere le successive estati godibili e senza problemi.

©Caravan e Camper – riproduzione riservata